HomeStoriaMAYOR & G73BiCombiIncisori & EtcBobineVideoPolveriRicaricaCartucceENGLISH

RICARICA DOMESTICA - LIVELLO AVANZATO
A cura di Nikolaos "Nikos" Kavvadias - Email: idiogomosi at hotmail . com

 

POLVERI DA CACCIA & TIRO

Le polveri da caccia & tiro, si differenziano principalmente per la loro progressività e per le loro caratteristiche chimiche!

Le polveri prodotte per le relative discipline di tiro a volo, sono tutte di progressività x24 & x28 e hanno una composizione chimica basata sulla nitrocellulosa. Sono quasi sempre di taglio grosso ed hanno un tale relativo volume apposito, capace di poter permettere la diminuzione della complessiva altezza di borraggio necessario.

Naturalmente c'è anche la eccezione che conferma la regola, e tale eccezione è appunto la ben nota polvere modificata, che a sua volta contiene comunque una bassa percentuale di nitroglicerina.

Le polveri da tiro non sono tanto adatte per i cacciatori, però nelle mani dei ricaricatori esperti di livello avanzato, potrebbero cambiare i dati di fatto...e potrebbero comunque aumentare le performance balistiche delle loro cartucce da caccia Long Range ed eventualmente Extra Long Range!

Al contrario delle polveri da tiro, le polveri da caccia sono abbastanza diverse fra di loro, sia come progressività, che come composizione chimica!

Le polveri da caccia si dividono in tre categorie [singola base, doppia base, singola base modificata (attenuate)] e dentro il bossolo, possono essere comprimibili, poco comprimibili e quasi incomprimibili.

I pro ed i contro di ogni categoria sono diversi, però siccome c'è una vecchia regola per tali polveri e noi l'abbiamo vista avverarsi più volte sul terreno di caccia, vi consigliamo di non sottovalutarla. Tale regola ci indica e ci ricorda che:

  • le polveri a singola base risentono dell'umidità ma non del freddo intenso
  • le polveri a doppia base risentono del freddo intenso ma non dell'umidità
  • le polveri modificate necessitano una maggior compressione sul boraggio
  • le polveri comprimibili devono essere caricate con minor spazio di tubo libero

Infine le polveri da caccia si distinguono per la loro diversificazione sul volume complessivo che richiedono, dalla volumetria del nostro bossolo per la determinata quantità di propellente necessario, per l'altezza del rispettivo borraggio necessario e per la distanza della base di piombo dalla fine della polvere!

Arrivati a questo punto, il ricaricatore domestico che si accontenta delle proprie creazioni e dalle loro relative performance balistiche...potrebbe fermarsi qui, però il ricaricatore esperto di livello avanzato che cerca sempre delle performance balistiche superiori e fuori dagli schemi, potrebbe pensare che magari ci potrebbe essere anche qualcosina in più che non può essere noto ai più...e tale segreto si chiama semplicemente stratificazione!!!

Non si parla però di un'eventuale stratificazione qualunque, ma di un'attenta selezione di determinate polveri da tiro e da caccia, dove si segue delle regole ben precise e dove non c'è neanche il minimo spazio per un'eventuale errore! Le regole fondamentali da seguire sono:

  • è fondamentale che ci sia la differenza di almeno tre gradi sulla progressività fra le due polveri selezionate
  • la polvere meno progressiva dovrà essere posizionata e ben distribuita con la dovuta attenzione sopra l'innesco
  • la polvere più progressiva dovrà essere posizionata e ben distribuita con la dovuta attenzione sopra la polvere meno progressiva
  • bisogna prestare la massima attenzione possibile ed è assolutamente fondamentale non mischiare mai le due polveri fra di loro
  • le proporzioni delle due polveri potrebbero essere al massimo di 1/3 per la meno progressiva e di 2/3 per la più progressiva, altrimenti potrebbero andare benissimo anche le proporzioni 1/4 & 3/4
  • non è consentito l'uso di polveri da aziende diverse e da famiglie diverse
  • bisogna aver compreso al 100% cosa si sta facendo e di cosa andiamo incontro

Detto questo, è possibile spiegarvi in modo meramente esemplificativo e senza dilungarci troppo, come si ottengono tali performance balistiche:

  • la miscela esplosiva dell'innesco arriva a contatto con la polvere meno progressiva
  • la polvere meno progressiva (es. x24) comincia a bruciarsi e cambia stato per prima, passando dallo stato solido, allo stato gassoso
  • prima che avvenga al 100% tale passaggio, la polvere meno progressiva aiuta la polvere più progressiva a bruciarsi in modo corretto, e di conseguenza avviene anche il secondo passaggio di stato per la polvere più progressiva (es.x36)
  • in questo modo abbiamo l'enorme vantaggio che ci offre la compressione dei gas della polvere meno progressiva, dato che i gas sono comprimibili al contrario dei solidi, ed inoltre abbiamo il vantaggio sui gas rimanenti per una maggior spinta complessiva ed ovviamente da tutto ciò trae vantaggio la curva pressoria
  • il tutto avviene in alcuni millionesimi di secondo




.: Clicca qui per ritornare alla pagina precedente :.



 

 

Nota importante:
Le cartucce, gli assetti, le guide e tutte le relative informazioni da noi pubblicate sulla presente pagina e sul presente sito web, sono da considerarsi come informazioni meramente esemplificative ed a solo scopo informativo. Si declina quindi ogni eventuale responsabilità diretta, indiretta e conseguente, e si raccomanda sempre la prova delle vostre cartucce da caccia e da tiro presso il Banco Nazionale di Prova (BNP)
prima ad ogni eventuale uso.

Copyright © 2012-2015 - All rights reserved